Giovedì esco con M3Mango, al concerto.

img_1116

Giorni fa commentavo da M3Mango, anzi, se non la conoscete fatelo immediatamente che ne vale proprio la pena. Lei apprezzava il mio romanaccio infilato qui e lì ed io la sua capacità narrativa. Mi ha proposto di farle da traduttrice per un suo post, che dovete correre a leggere, ed eccoci qua. Speriamo di divertirvi.

Terza lezione de’ romanaccio stretto con M3Mango

Me vo’ fa’ diverti’ la nostra M3Mango e pe’ prosegui’ er tema de le arti, dopo che m’ha portato ar cinema e poi a teatro,  oggi me scarozza’ a vede’ li concerti. Inizia puro la bella stagione e se sa che ‘gni scusa è bona pe’ canta’ a squarciagola e sarta’ sur posto come du’ forsennate.

In realtà lei dice de ave’ visto pochi concerti ma dato che è ‘na persona equilibrata, quest’anno ne ha già due o tre in programma. L’anno scorso trascinò l’amica sua, quella che je dice sempre de sì, a vede’ i Modena City Rambles e je so’ piasciuti ‘na cifra proprio. Lei in realtà je faceva ‘n favore perché nun conosceva manco ‘na canzona, ma poi ce se ‘ngarello’ e cantorno e sartorno tra i fumi de erba e quarche bira dall’inizio alla fine. Era un festival  un po’ arternativo, ai confini della metropoli, er pubblico veniva da tutti li pizzi, per cui potevi zompare (poco che c’ha na certa età) cor diciottenne. ma anche pesta’ li piedi a diversi ultraquarantenni scatenati. Sentire dal vivo “In un giorno di pioggia, “Contessa” e “King of Fairies” dice che è stato ganzo.

Diceva che nun ha visto tanti concerti ma je sarebbe tanto piaciuto assiste’ a quarcuno spaziale, de quelli che nun se scordeno, che quando lo racconti je casca a tutti la mascella, tipo Pinke Floid, Daiar Streiz, Marilinmanson, ma invece ha visto ( un zacco d’anni fa,eh!) Claudio Baglioni, coll’accendino ar posto der pollice, acceso tutto er tempo, Sineadoconnor, quanno aveva già lanciato da ‘n pezzo Nothing Compares2U, Paolo Conte, robba der padre, De Gregori, che le canzoni ce-le-sa-tutte, la cantessa de Catania Carmen Consoli  e li Casino Royal, pe’ chi c’ha gusto ma soprattutto pe’ chi se li ricorda.

Giovedì esco con M3Mango, a teatro.

Giorni fa commentavo da M3Mango, anzi, se non la conoscete fatelo immediatamente che ne vale proprio la pena. Lei apprezzava il mio romanaccio infilato qui e lì ed io la sua capacità narrativa. Mi ha proposto di farle da traduttrice per un suo post, che dovete correre a leggere, ed eccoci qua. Speriamo di divertirvi.
Seconda lezione de romanaccio stretto co’ M3Mango

maschera

Pe’ continua’ er tema de’ le arti, dopo er poste sur cinema, c’avemo preso gusto e volemo anna’ a teatro. Eh già!Qui nun stamo a pettina’ le bambole, se parla de temi cur-turarmente elevati, un po’ pe’ anna’ incontro ar granne pubblico¹, un po’ perchè noi ci sentiamo femmine latine su uno de li mejo parcoscenici der monno: Roma! Damo quinni er via a le danze.

È ormai n’annetto che faccio ‘n corso de conversazione in inglese co’ ‘na regazza madrelingua. Nun so di’ se er suo inglese sia perfetto, ma è de sicuro brava a famme senti’ a mio agio, anche perchè nun facciamo mai esercizi pallosi de grammatica, ma sostanzialmente parlamo de cazzi² nostri.

L’artro giorno pe’ ravviva’ la nostra oretta m’ha proposto du giochetti divertenti, che all’inizio me hanno un po’ bloccata, imbarazzata, ma poi se semo divertite ‘na cifra, tanto che abbiamo iniziato a ride’ co’ le lacrime agli occhi, cor beneplacido de li colleghi de le stanze attorno, che staveno lavoranno. Er primo era una forma de Taboo: dovevo spiega’ er significato de ‘na parola senza usa’ ‘na lista de termini vietati. Er seconno era quello de usa’ ‘na lista de vocaboli, apparentemente senza collegamento, pe’ inventa’ su du piedi ‘na storia.

Che cazzo³ c’entra er teatro qui?  Aspe’ che mo’ ce arivo!

Tutto questo m’ha fatto ricorda’ che quando ero criatura ero ‘na cifra timida e chiusa e mia madre, preoccupata, m’aveva costretta a segui’ un corso de teatro. Un vero incubo. Me ricordo che l’insegnante iniziò co’ n’esercizio facile facile pe’ mettece commmodi.In piedi, davanti a tutti, lui diceva ‘na frase ad effetto e te in tre seconni dovevi risponne a tono.Sprofonnavo da la vergogna. Avrei voluto esse’ trasparente, smaterializzamme come porvere ar sole ed evapora’ da la finestra. E invece lui me chiamo’ e gajardo e co’ passione me urlò: Te amo! Io lo guardai esterefatta, co’ l’occhi pieni de orore, le guance rosse, le mano gelate e feci er fugone. Se concluse così la mia infamante sessione de improvvisazione teatrale.

So’ passati vent’anni, consapevolezza e maturità m’hanno permesso de improvvisa’ macchiette divertenti, da cabarettista in erba, co’ l’insegnante de inglese.

¹ Eh!

² Ho letto in giro che scrivere chitarrini era vorgare.

³ Anche cappero è molto vorgare. Vado a sciacquamme la bocca ner Tevere.

A presto!

Giovedì esco con M3Mango, al cinema.

 

Giorni fa commentavo da M3Mango, anzi, se non la conoscete fatelo immediatamente che ne vale proprio la pena. Lei apprezzava il mio romanaccio infilato qui e lì ed io la sua capacità narrativa. Mi ha proposto di farle da traduttrice per un suo post, che dovete correre a leggere, ed eccoci qua. Speriamo di divertirvi.

 

Prima lezione de romanaccio stretto co’ M3Mango

perfetti-sconosciuti-online-due-nuove-clip-251713-1280x720

Pe’ esercitamme co’ quarcosa de divertente e impara’ davero l’arte de parla’ romano, ho penzato de inizia’ da un filmme appena visto, cotto e magnato ” Perfetti sconosciuti. Ognuno de noi c’ha tre vite, ‘na vita privata, ‘na vita pubblica e una segreta. ” (cit. Gabriel Garcia Márquez).

Forze è spoilere, me sa. Ner dubbio, se volete vedello: pussa via!

Pare quasi de esse’ a teatro, belle facce chiuse in una stanza che parleno de amore, de vita, dell’universo tutto.

Cena tra amichi ne l’amata Roma.
Eva e Rocco ospiteno a casa loro Carlotta e Lele, Cosimo e Bianca, e Peppe, da solo perché la fidanzata, che nisuno ha mai visto, c’ha la fevre.

L’omini se conoscheno da quando ereno criature, mentre le donne se so’ aggiunte ner tempo, tra fidanzamenti e matrimoni. Eva invita tutti a un gioco ar massacro: tutti poseno sur tavolo er cellulare e, pe la durata de la cena, ogni messaggio o imeille saranno letti a arta voce, le foto alla mercé de tutti. Tanto nisuno ha gnente da nisconde, o no?

E scoppia er casino. Eva se scopa Cosimo, er quale in realtà sta co’ Bianca, Carlotta se manna messaggi zozzi co’ ‘no sconosciuto trovato su Internete, così come anche Lele, Rocco va dallo psicanalista ma de niscosto, Peppe è frocio, Bianca forze è gravida e c’ha l’ex fidanzato che ancora la cerca.

Inzomma, un gran puttanaio d’artri tempi, quasi quasi un firme de paura, perché le mie, le tue paure prendeno forma. Chi non nisconde i piccoli e granni segreti in quell’oggettino che è mo’ un compagno de vita, er nostro smartcoso? Praticamente ‘na scatola nera che fa veni’ a galla li segreti più zozzi de un gruppo de amichi che crede de conoscese a la perfezione. E invece manco pe gnente.