La panchina

-Ma chi è ‘sta chiusa che ce sta’ a fotografa’? Benedetto Idd-o!

-Io cio so’ siconnno te??? Sarà ‘na turista che se vo’ porta’ a casa da sìa un ricordo de Piazza Giudìa…

– Ah, ‘na marpasta…….

-Ma no, pora ciorcinata, è caruccetta, ngaina puro lo chiuso che sta co’ essa como è cannoso, sarà lo marito da sìa.

-O marito, ma nun cio ngaini como se tieneno mano na’ mano…..nun so’ sposati, su la vita mia e tua so’ fidanzati.

Rachel-  Ma no, ma che chiusa. Non vi ricordate di me? Sono la figlia di Papone e Renata.

-Davareeee, è la fija de sorema cuggina Renata e manco l’avevo riconosciuta, sarà pe’ la cataratta.

-Bella Ciù, come stai? Come sii cagnata, badanai nun te riconoscevo. Ma lo chiuso co’ te è tu marito? Cio stavamo chiedenno…

Rachel-  No, è Cirano, il mio fidanzato. Eravamo in giro a fare qualche foto ed avevamo pensato che qui, nell’antico ghetto ebraico di Roma, avremmo trovato begli spunti. Poi le metteremo nel mio blog.

-Blog? Sarina…ma tu cio sai chi vistato spaccato sarìa un blogghe?

-No Fiorì, però po’ esse che è na specie de feisbuk, qua’ robba ‘ndo ce scrivono e ndo la gente sposata conosce altra gente e poi mettono li sciofaroddi ar marito o a la moje.

Rachel-  Siete meravigliosi, il prossimo anno vogliamo ripassare di qua per farvi un’altra foto, va bene per voi?

-Si bella Ciù, noi v’aspettamo qua, si D-o vòle.
panchina