La panchina

-Ma chi è ‘sta chiusa che ce sta’ a fotografa’? Benedetto Idd-o!

-Io cio so’ siconnno te??? Sarà ‘na turista che se vo’ porta’ a casa da sìa un ricordo de Piazza Giudìa…

– Ah, ‘na marpasta…….

-Ma no, pora ciorcinata, è caruccetta, ngaina puro lo chiuso che sta co’ essa como è cannoso, sarà lo marito da sìa.

-O marito, ma nun cio ngaini como se tieneno mano na’ mano…..nun so’ sposati, su la vita mia e tua so’ fidanzati.

Rachel-  Ma no, ma che chiusa. Non vi ricordate di me? Sono la figlia di Papone e Renata.

-Davareeee, è la fija de sorema cuggina Renata e manco l’avevo riconosciuta, sarà pe’ la cataratta.

-Bella Ciù, come stai? Come sii cagnata, badanai nun te riconoscevo. Ma lo chiuso co’ te è tu marito? Cio stavamo chiedenno…

Rachel-  No, è Cirano, il mio fidanzato. Eravamo in giro a fare qualche foto ed avevamo pensato che qui, nell’antico ghetto ebraico di Roma, avremmo trovato begli spunti. Poi le metteremo nel mio blog.

-Blog? Sarina…ma tu cio sai chi vistato spaccato sarìa un blogghe?

-No Fiorì, però po’ esse che è na specie de feisbuk, qua’ robba ‘ndo ce scrivono e ndo la gente sposata conosce altra gente e poi mettono li sciofaroddi ar marito o a la moje.

Rachel-  Siete meravigliosi, il prossimo anno vogliamo ripassare di qua per farvi un’altra foto, va bene per voi?

-Si bella Ciù, noi v’aspettamo qua, si D-o vòle.
panchina

Scecspir in lov

C’erano ‘na volta Romeo e Giulietta.

Questa è ‘na storia de parecchi anni fa , intorno ar milletrecento.

Li du’ regazzi se conobbero alla festa de Purim de la famija de Giulietta, ‘na Spizzichino da parte de padre, Piperno da parte de madre, ‘na gnevrimme* inzomma.

RJ_1

La festa de Purim

Romeo era ngarelle**, un bravo regazzetto senza grilli pe’ la testa, tutto casa e famija.

Bastò ‘no sguardo tra li du pischelli pe fa’ scocca’ la scintilla, l’amore, la passione, la voja de rivedesse [pe’ tutta la vita].

Solo dopo er fatto, dopo l’innamoramento, solo allora li du regazzi scoprirono de esse li fiji de du famije rivali.

La famija de Romeo Laziale, oltre che ngarelle, quella de Giulietta Romanista, oltre che gnevrimme.

Du mondi opposti, destinati a volesse male.

Ma l’amore e la foja*** ebbero la meglio su tutto er resto.

‘Na sera Romeo glie va puro sotto la loggetta, glie dedica parole d’amore e lei, tutta ngrifata****, glie risponne:

“RomeoRomeo, perchè si tu Romeo, rinnega la tua squadra, er tu nome, li colori de la bandiera tua…….”

2. R&G Cukor 1936

Alla loggetta

Pe’ loro però poteva annà bene puro così, fino a che non lo scoprirono le famije.

Li regazzi decisero de fujì, de sposasse de niscosto e annassene a vive pe conto loro da nartra parte, fori porta.

Il matrimonio fu romanticissimo, erano soli soletti, se giurarono amore eterno dinnanzi ar sindaco della città.

99-303690-000103

er sindaco in una sua espressione intelligente

Pe magnà c’era la concia, l’aliciotto co l’indivia, il carciofo alla giudìa, la cacio e pepe, lo stravedo*****

Certo, lei non fece in tempo manco a preparasse un corredo come D-o comanna, ma lui nun ce fece caso.

Vissero felici e contenti tutti i giorni della loro vita, tranne durante li derby.

roma-lazio-3-a-2

Giulietta mentre sfotte giocosamente Romeo

[Tutto questo per dirvi che io stasera tifo Verona perché amo da impazzire la storia di Romeo e Giulietta, mai e poi mai mi sognerei di gufare la Lazio, che peraltro sta vincendo fori porta].

Glossario:

*ebrea

**non ebreo

***attrazione sessuale

****sessualmente eccitata

*****il meglio che si potesse trovare in giro