caro 

Brian Eno, ti auguro di non aver mai bisogno di nessuna scoperta israeliana te lo auguro caldamente ché a quel punto sarebbe contro i tuoi principi del cazzo curarti, salvarti,guarire, sopravvivere e non morire.

(Trovo così triste negare la propria musica a degli artisti)

Annunci

32 pensieri su “caro 

  1. “Eno è da anni sostenitore di “Bds”, campagna a guida palestinese per il “Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni” nei confronti di Israele. È anche firmatario, assieme ad altri 1700 artisti in Gran Bretagna, della dichiarazione “Artisti per la Palestina” impegnati a non intrattenere rapporti con il governo israeliano.”

    ‘Da anni’ e ‘1700artisti’ ! Perché dunque utilizzare la sua musica senza autorizzazione ?
    Molto spesso accade che un artista nn conceda l utilizzo di sua proprietà intellettuale (Springsteen vs/Trump) Xche nn lo ritiene opportuno…

    Sherasaluti

    Mi piace

      • No cara informati meglio i diritti d autore in campo musicale sono una cosa l utilizzo pubblico o il ritiro sta All autore.
        Ti ho fatto un esempio di questi tempi Bruce Springsteen annegato a Donald Trump l’utilizzo di un suo brano a fini di propaganda per le sue lezioni a presidente degli Stati Uniti!!!
        Ti potrà piacere o meno ma questo è ed io lo dico senza prendere posizioni personali mie in proposito pur avendole.
        Shera

        Mi piace

      • Ps. Per esempio tu puoi usare Bach in una esibizione di lap dance ma se un eventuale erede ritenesse non idonea o offensivo l’utilizzo potrebbe vietarlo. Questo vale per il cinema teatro o qualsiasi manifestazione pubblica perché se l autore è in vita e tu non hai chiesto preventiva autorizzazione ti chiede la rimozione e si riserva di citarti in giudizio.
        E questo avviene anche in rete quando si utilizza materiale pubblico ma di proprietà altrui.
        Scusa se sono stata prolissità.

        Mi piace

      • “Le sole prerogative patrimoniali riservate all’autore hanno una durata circostritta nel tempo (70 anni)mentre i diritti morali sono imprescindibili e senza limite di tempo di cui dispongono ascendenti e discendenti a vario titolo.”
        sheraconuninchino
        Ps. Non sono avvocato 😉 e cmq Brian Eno è in vita o no?

        Mi piace

      • Sì è in vita… solo che vedere gente che mette mano agli avvocati per una canzone…. mette tristezza.
        Ad ogni buon conto per me chiunque si associ alla BDS contro Israele, l’**UNICA** democrazia del medio-oriente si guadagna il mio profondo disprezzo. Nel caso dell’artista sarà mia cura riporne l’opera nel cassetto dei dimenticandi.

        Mi piace

      • Ecco, lo facevo più intelligente, Eno.
        Comunque grazie.
        Mi sembra incredibile però che i diritti morali non si estinguano mai.
        Mi spiego: ipotizziamo che ci sia un erede di Wagner islamico. Sarebbe in grado di vietare tutte le rappresentazioni de “L’anello del Nibelungo” perché il teatro e il canto sono haram?

        Liked by 1 persona

      • Ho capito Shera, mi disturba lo stesso che un’artista boicotti altri artisti e li umili pubblicamente.
        Libero di boicottare non andando a fare concerti in Israele , che come ha detto Raphael, è l’unica vera democrazia in Medioriente , ma privare un corpo di ballo della sua musica lo trovo di una gretttezza inaudita.

        Mi piace

      • Senti, ripeto, io parlo in astratto se le posizioni di Eno come abbiamo letto erano e sono conosciute perchè utilizzare suoi componimenti senza essere autorizzati?
        Solo questo poi, insomma…
        Sheragraziedelladiscussione

        Mi piace

      • È che secondo me c’è sempre la speranza di essere accettati come artisti, colleghi e non come ipotetici nemici. La musica, come del resto lo sport, dovrebbe unire e non dividere ma purtroppo Israele deve subire umiliazioni che non toccano altri popoli provenienti da paesi realmente antidemocratici e violenti.
        Grazie a te Shera.

        Liked by 1 persona

  2. Sinceramente faccio un po’ fatica a trovare un qualsiasi nesso tra il negare un brano a un politico che lo vuole usare per propaganda politica e il negarlo a un artista che lo vuole usare per un’arte che vive di musica: il primo rifiuta complicità a una specifica persona con una specifica politica che lui disapprova, il secondo offre complicità a chi ha l’obiettivo dichiarato di annientare uno stato e sterminarne la popolazione. Detto in soldoni, Eno è complice di un progetto di genocidio.

    Mi piace

      • No, intendevo dire che l’obiettivo – esplicitamente dichiarato nero su bianco e instancabilmente ripetuto in tutte le occasioni – sia di Fatah che di Hamas è la distruzione di Israele e lo sterminio totale (cioè il genocidio) degli ebrei. E’ di questo genocidio che sto parlando, di cui gli aderenti al BDS si rendono attivamente complici. Quanto al cosiddetto popolo palestinese, fabbricato a tavolino nel 1967 (sfido chiunque a trovare un solo testo, compresi quelli di fonte araba, che usi il termine “palestinese” riferendosi agli arabi [INVASORI, cerchiamo di non dimenticarlo, INVASORI: si chiamano arabi perché vengono dall’Arabia!] di quella regione prima di tale data).
        Poi volendo si potrebbe aggiungere che il giorno in cui riuscissero a cancellare Israele ed eliminare gli ebrei, la cosa più probabile è che anche quei palestinesi lì verrebbero trattati come quelli che vivono in Siria e in Libano: niente cittadinanza, nessun diritto (né alla scuola, né alle cure mediche, niente di niente, neppure il diritto a riparare il vetro rotto di una finestra: talmente assurdo che pare inventato, e invece è autentico), miseria nera, nessuna prospettiva per il futuro proprio e dei propri figli. Ma questo non interessa a nessuno, perché l’unica cosa che interessa è distruggere Israele, e i palestinesi che si fottano, come dimostra il fatto che nessuno fa un fiato per le migliaia di palestinesi ammazzati in Siria. Ah già, me ne dimentico sempre: loro sono i buoni e noi i cattivi, noi ci occupiamo delle volgari cose materiali, loro di quelle ideali.

        Mi piace

  3. Sinceramente quando i musicisti prendono posizioni politiche, la domanda è sempre la stessa: “Vuoi fare clamore?”
    Per carità, è parte del lavoro, ma non parlare di etica se fino a ieri eri schiavo di Microsoft (per cui ha firmato i suoni di una versione di Windows).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...